venerdì 5 giugno 2009

Corinna


Ovidio.
La bellezza e la sensualità. Quanto leggiamo e quanto scopriamo, ancor oggi, nei classici?
Ovidio, nella V elegia del I Libro (in L'Amore), così tesse le lodi di una donna, Corinna:

Come, caduto il velo, stette davanti ai miei occhi,
nell'intero corpo non apparve alcun difetto.
Quali spalle, quali braccia vidi e toccai!
La forma dei seni come fatta per le carezze!
Come liscio il ventre sotto il petto sodo!
Come lungo e perfetto il fianco, e giovanile
la coscia! A che i dettagli? Non vidi nulla di non degno
di lode...

Nessun commento:

Posta un commento