martedì 2 giugno 2009

Chi è l'artista?


Chi è l'artista? Cos'è l'arte? Io, che non so dare risposta, vado col pensiero a Michelangelo che amava dire che l'opera d'arte è insita nella Natura: ed era compito dell'artista, per esempio uno scultore, mettere alla luce ciò che di veramente grande esiste.
Un concetto un po' diverso fu esposto da Ovidio, per il quale la bellezza era sì insita nella natura delle cose, ma l'artista esponeva il meglio di sè, la propria arte, intervenendo su ciò che è allo stato grezzo, nascosto, per esternare l'opera d'arte. E da questo poeta riporto volentieri questo stralcio, tratto da Ars amandi:
....
Spesso ciò che ci piace quando è fatto,
mentre si fa dispiace. Quelle statue
firmate dall'artefice Mirone,
furono un tempo massa informe e inerte;
per avere un anello, va battuto
a lungo l'oro; queste belle vesti
furono già sordida, informe lana.
Finchè l'artista ne tentò le forme,
fu grezza pietra; ora è statua famosa:
torce, Venere ignuda, dalle chiome
madide l'acqua.

Sir

12 commenti:

  1. Cosa è l'arte? cosa è l'artista?..forse quella parte di noi che si avvicina alla perfezione e fa di noi gli artefici delle nostre emozioni dandoci la capacità di trasformare un brivido in uno poesia..

    RispondiElimina
  2. Sì, è vero, anche io penso che l'opera d'arte non sia già inscritta nella realtà, ma frutto della sensibilità di alcune persone. E lo stile è il modo con cui l'arte si esprime.

    RispondiElimina
  3. è un dono il possedere l'arte,un dono di dio,l'artista si consuma nella sua arte,che sia scrittura,scultura,pittura o il canto e la musica,vedono cose che altri non vedono ma possono,solo ammirare con estasi,grazie sir x il tuo bellissimo post,buona serata.

    RispondiElimina
  4. Grazie, Achab. La tua risposta sposta tutto entro i confini dell'insondabile, del misterioso.
    Le tue risposte sono sempre azzeccate.
    Ciao
    Sir

    RispondiElimina
  5. La definizione più convincente che mi sia capitato di leggere a proposito dell'arte e dell'artista è di Matisse: 'E' artista solo colui che sa ordinare metodicamente le proprie sensazioni'.
    Quel metodicamente è fondamentale, dal mio punto di vista. Lo steretipo vuole che l'ispirazione sia qualcosa di magmatico, informe, nebuloso; forse in partenza lo è, ma proseguendo credo che si debba andare a caccia della nota, della parola, del colore esatto.
    ena

    RispondiElimina
  6. Mmmmm...grazie, Ena, non ho mai letto di questa definizione. Aggiungo una perla alla mia ignoranza.
    In effetti è vero, hai ragione di citare Matisse: l'artista sarebbe, allora, chi cerca un ordine nelle sensazioni e lo esprime tramite un'opera. E' una definizione meravigliosa! Anche perchè, a pensarci bene, tira in ballo quella che io chiamerei "tensione continua" verso il bello, verso l'armonia. L'arte è, quindi, studio e l'artista è uno studioso.
    La liberazione magmatica delle proprie espressioni, allora, non è arte, mi par di capire. E', questa espressione, un insieme di concetti, di idee, che mancano di un filo
    conduttore.
    Grazie, Ena, un grosso abbraccio (mi fai vedere le tue ultime foto? Prometto che sarò gentile e non ti prenderò in giro... )
    Sir

    RispondiElimina
  7. beh, sir, questo è il mio punto di vista (e la mia personale interpretazione di questo pensiero di Matisse), ma sicuramente qualche artista contesterebbe..uno come Picasso, ad esempio, decisamente più 'animale' di Matisse, chissà cosa direbbe...
    ho in mente anche un pensiero di Stravinsky che va nella stessa direzione: 'Più l'arte è controllata, limitata, lavorata, e più è libera'.
    in fondo la musica è matematica, chi meglio di un musicista deve conoscere l'esattezza?
    (dovrei farmi delle foto apposta, e sarebbero così finte che mi darebbero fastidio, è più forte di me! appena ne capiterà una te la mando, promesso)
    ena

    RispondiElimina
  8. La penso anche io come te e Stravinsky. Per me arte è ricerca di perfezione, anche matematica, geometrica: ti ricordi quel mio post (oppure non l'hai mai letto): Bellezza e Matematica? Sostengo, nel mio piccolo, esattamente queste cose.
    Ciao, carissima.
    Oh, aerea coronide, guarda che ti prendo sulla parola: aspetto le tue foto.
    Un bacione
    Carlo

    RispondiElimina
  9. Ma l'arte non è anche caos, disordine, gesti scomposti?Forse ci sono parecchi volti dell'arte.Mi viene in mente Michelangelo. nella Pietà Il corpo del figlio è adagiato sul grembo della madre I due personaggi sono insieme ma ognuno sta a sè, lui nella morte e lei nel dolore.
    Nella pietà Rondanini i due personaggi sono " fusi" insieme compenetrati in modo significativo ma " scomposto, movimentato. Amore e morte.
    Però io non mi intendo di arte. gradirei una risposta dal sir , da un anltra persona, da tutti e due . Giuliana.

    RispondiElimina
  10. l'arte la puo capire ghi la possiede e qualcosa che si muove dentro e deve uscire allo scoperto ti spinge a battere quella strda e piu forte di te

    RispondiElimina
  11. Per me l'Arte è un'opportunità...
    esternare Emozioni e Sensazioni che , altrimenti
    rimarrebbero rinchiusi nello scrigno dell'Anima
    ...felice di leggerti...

    Niki

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bella riflessione la tua, nicki! È proprio vero, è un'opportunità, l'Arte, ed anche grandissima, che libera - affinati - emozioni e sensazioni. E anche sentimenti.
      Grazie per la visita!

      Elimina