lunedì 18 maggio 2009

Paradiso perduto di Milton


Uno dei miei poemi preferiti è Paradiso perduto, una colossale opera di Milton.
Ne conoscerete senz'altro il contenuto. Mi limito solo ad accennare alla poesia, all'amore, alla tenerezza, alla delicatezza con cui Milton guarda alla cacciata di Adamo ed Eva dall'Eden. Sono righe, per me, indimenticabili, queste righe che concludono l'opera, libro XII (e che sono introduzione alla esistenza materiale dell'intero genere umano):

Allor Michele
Prendendo i nostri padri ambi per mano,
L'indugio ne affrettò, dritto alla porta
780Orïental guidolli, e di là ratto
Giù per la rupe alla pianura, e sparve.
Essi al perduto lor felice albergo
Volsero indietro gli occhi, e l'igneo brando
Vider rotante in fulminosi giri
785Su tutto il lato orïentale e folte
In sulla porta star tremende facce
Ed armi ardenti. Alle lor ciglia alquante
Stille di pianto allor mandò natura,
Ma tosto le asciugaro. A sè dinanzi
790Avean tutta la terra, ove un soggiorno
Scegliersi di riposo, e loro scorta
Era la Provvidenza. A incerti e lenti
Passi, dell'Eden pei solinghi campi,
Tenendosi per man, preser la via.

3 commenti:

  1. E' bello che tu ci consenta di rivivere emozioni impareggiabili come quelle fornite da questo testo.. Grazie, Sir!

    RispondiElimina
  2. Grazie a te, carissima Greta! Come vanno gli esami?
    Ciao
    Sir

    RispondiElimina
  3. Ehm..Domanda di riserva? Meno male che ci sono letture interessanti come questa che mi permettono di distrarmi!
    Baci,
    Greta

    RispondiElimina