venerdì 24 aprile 2009

Bellezza e sua espressione


La teoria della Bellezza: ancora non riesco a staccarmi dalla teoria di Aristotele, per cui il Bello è simmetria, ordine, da una grandezza adatta ad essere abbracciata nel suo insieme da un sol colpo d'occhio (Poetica, 7). Questa teoria fu ripresa da Cicerone: Come nel corpo esiste un'armonia di fattezze ben proporzionate congiunta con un bel colorito, che si chiama bellezza, così per l'anima l'uniformità e la coerenza delle opinioni e dei giudizi congiunta ad una certa fermezza e immutabilità, che è conseguenza della virtù o contiene l'essenza stessa della virtù, si chiama bellezza.



L'equilibrio delle forme è esso stesso generatore di bellezza. E il senso di pace che consegue alla visione di un oggetto geometricamente perfetto è esso stesso bello.
Ma le proporzioni sono idea o, meglio, rappresentazione della Bellezza. La quale è motore di beatitudine interna della persona. La Bellezza informa l'animo, in esso genera sentimenti.

Nessun commento:

Posta un commento