lunedì 1 giugno 2009

Oh, vecchiaia!


Cecilio Stazio (230 - 168 a.C.) è stato un commediografo latino. Di lui mi piace ricordare questo brano sulla vecchiaia:

Oh, vecchiaia! Se nessun altro male tu porti quando vieni, basta questo soltanto: che col vivere a lungo si vedono tante cose che non si vorrebbero vedere.

5 commenti:

  1. Si dice che chi ha in se l'amore e la tenerezza non invecchi mai, ma cresca in saggezza e lealtà..ma l'amore solitario colitvato in noi come un fiore raro e pezioso prima o poi invecchia e appassisce...e a noi rimane solo il ricordo il rimpianto, una saggezza una lealtà che nessuno oramai vuole più ascoltare
    un abbraccio

    RispondiElimina
  2. E' forse il destino di ognuno, Simona ?

    RispondiElimina
  3. Intendo dire: forse ognuno ha , secondo te, un destino di cambiamento così profondo? E dobbiamo quindi seguire la nostra strada? Mi vien da pensare alla "Ginestra" di Leopardi...
    Ciao, un grande abbraccio
    Carlo

    RispondiElimina
  4. ...a volte però lungo quella strada, troviamo chi scopre e si innaamora della nostra saggezza e lealtà..e l'amore non è più solitudine
    Che sia questo il vero miracolo ?
    Un bacio

    (se hai tempo scrivimi...l'e.mail la trovi sul mio blog, avrei voluto farlo io ma non so il tuo indirizzo)

    RispondiElimina
  5. Ma no, dai!!! Com'era pessimista Cecilio Stazio. Non sempre la vecchiaia ti fa vedere cose negative. Chi ama la vita, l'ama anche da vecchio, perchè trova bello persino un granellino di sabbia. Ciao, buon fine settimana. Diana B

    RispondiElimina